Login

Dermatiti

Approfondisci gli argomenti:

› La dermatite seborroica è uno stato infiammatorio squamoso della pelle che colpisce in particolare il volto e il cuoio capelluto.

Dermatite Seborroica

La dermatite seborroica è uno stato infiammatorio squamoso della pelle che colpisce in particolare il volto e il cuoio capelluto. L'insorgenza, negli adulti, è piuttosto lenta e si evidenzia con la comparsa di piccole squame diffuse, secche o untuose (il suo caso) a livello di cuoio capelluto (forfora), con prurito più o meno intenso. In alcuni casi può anche comparire una blefarite (a livello oculare), caratterizzata da croste gialle molto secche e irritazione della congiuntiva. La formazione di squame untuose è il risultato di una accelerata moltiplicazione delle cellule della pelle, unita ad una elevata attività delle ghiandole sebacee. Tutte le cellule della pelle sono normalmente eliminate attraverso un processo continuo e quasi impercettibile; nel caso della dermatite seborroica le cellule si sfaldano più velocemente unite in squame visibili. I fattori che ne determinano l'insorgenza sono molti e diversi: fattori genetici, nervosi e alterazioni della composizione e della quantità di sebo. È inoltre stata dimostrata una correlazione con la presenza di un microrganismo, il Pytirosporum ovale. Questo fungo della famiglia dei lieviti, che vive normalmente sul nostro corpo, nutrendosi delle sostanze grasse del cuoio capelluto, si sviluppa in modo eccessivo arrivando a costituire il 75% della forfora e provocando i ben noti fenomeni irritativi...
In ogni caso, qualsiasi trattamento da intraprendere dovrà essere valutato dal dermatologo.

› Dermatite Atopica: guida alla diagnosi, al trattamento topico e consigli pratici

Dermatite Atopica: guida alla diagnosi, al trattamento topico e consigli pratici

I Prodotti topici dedicati per chi soffre di DA
Per prevenire la riaccensione di DA nei periodi di remissione è opportuno utilizzare prodotti specifici. Per il lavaggio del corpo si suggerisce l'utilizzo diBase Lavante. Si tratta di una crema da lavaggio non schiumogena capace di lavare il corpo senza sottrarre i lipidi mantenendo quindi la cute morbida e protetta.

Per il lavaggio dei capelli si suggerisce l'utilizzo di shampoo medicato all'ittiolo solfonato. Questo particolare shampoo previene la secchezza del cuoio capelluto e la comparsa del prurito.

Se la cute diviene particolarmente secca e si formano delle fissurazioni, come spesso capita in inverno, si può rimediare applicando , dopo i lavaggi, l'unguento emolliente estremo. Questo unguento è stato studiato per reidratare la cute pur mantenendo la traspirazione. Se la secchezza appare alle labbra, si consiglia di utilizzare l'apposito stick che, a parità dell'unguento emolliente estremo, permette la traspirazione cutanea.

I Consigli per i Genitori dei bambini atopici
Accertata la condizione di DA in un infante o bambino, il procedimento pratico generale è:

  • convincere i genitori a sospendere i lavaggi tradizionali con acqua e detergente
  • se la DA è lieve/media far lavare il bambino con sola acqua e diradare i lavaggi il più possibile
  • se la DA è medio/grave lavare solo con soluzione di permanganato di potassio allo 0.025% utilizzando un telo di cotone imbevuto nella soluzione e strizzato.
  • asciugare a fondo per assorbire le tracce di umidità dalla cute
  • lavare i capelli con shampoo medicato all'ittiolo solfonato separatamente nel lavandino in modo da evitare il contatto dello shampoo con il resto della cute e asciugare a fondo i capelli
  • utilizzare la soluzione di KMnO4 per la pulizia cutanea delle mani, della zona periorale e della zona genitale ogniqualvolta queste aree sono coinvolte da sporco (unto, cibo, urine, feci)
  • in caso di iniziale arrossamento, segni di irritazione cutanea applicare la crema lenitiva a base di ossido di zinco e magnesio silicato
  • in caso di dermatite in atto, applicare il prodotto riducente, coal tar o ittiolo solfonato una volta al giorno preferibilmente la sera, con molto massaggio fino ad assorbimento completo.
  • programmare per quanto possibile un soggiorno estivo in ambiente marino
  • allontanare per quanto possibile ogni fonte di stress nell'ambiente domestico o scolastico

Cose da evitare per il bambino affetto da DA

  • evitare l'uso prodotti cosmetici quali: creme emollienti, oli, unguenti, gel o lozioni anche se la cute appare secca e desquamante. Le cree o emulsioni "bagnano" la cute, gli oli o unguenti occludono e macerano, i geli e lozioni seccano di più.
  • evitare l'uso di creme contenenti prodotti vegetali che possono allergizzare il bambino
  • evitare di somministrare gli antistaminici se non a scopo sedativo la sera • agire per bonificare l'ambiente domestico dall'eccesso di polveri (tendaggi, coperte di lana, materassi vecchi, moquette, tappeti, peluches,etc.)
  • allontanare gli animali domestici dall'ambiente frequentato dai bambini • scegliere per i bambini sport praticabili in ambiente non polveroso. Ad esempio sci, tennis, vela, atletica leggera piuttosto che judo, pallacanestro, etc.
  • non privare l'alimentazione di cibi ritenuti "allergizzanti" a meno di una comprovata documentazione di risposta peggiorativa per la DA dopo assunzione di un determinato cibo
  • non far giocare i bambini all'aperto dove è presente ghiaia o terriccio polveroso
  • non fare avvicinare i bambini ai piccioni urbani
  • non fare accarezzare ai bambini cani, gatti e cavalli

 

Principali cause ed effetti nei bambini con DA

La gelosia
Uno dei fattori di aggravamento della DA infantile è l'instaurarsi nell'ambiente domestico di stress emozionali. Tipico è il conflitto che si può creare tra bambino e madre quando nasce un nuovo fratellino. Anche uno stato di litigiosità tra i coniugi provoca disagio e accentuazione della DA. A volte l'allontanamento del bambino dall'ambiente domestico, esempio dai nonni, è migliorativo per la dermatite.

La scarsa resa scolastica
Il bambino atopico riposa male durante la notte a causa dei frequenti risvegli provocati dal prurito. Durante il giorno quando è richiesta attenzione per lo svolgimento dell'attività scolastica, il bambino può apparire svogliato, disattento. Spesso viene giudicato dagli insegnanti come un bambino con difficoltà di apprendimento, in realtà il livello intellettivo degli atopici è di solito superiore alla norma. Occorre avvertire gli insegnanti dello stato di atopia.

L'agitazione
Spesso il bambino atopico è ipercinetico e con uno sviluppo psichico superiore rispetto ai bambini di pari età. Questa condizione è dovuta al prurito, al grattamento al riposo scadente. Occorre non stimolare ulteriormente il bambino atopico.

Il parlare con la cute
Per gli psicosomatisti la DA è un modo che alcuni bambini esercitano per trasmettere messaggi agli adulti. Il bambino infatti incapace di un eloquio completo preferisce esprimersi con la dermatite. La condizione dermatitica infatti, fastidiosa o dolorosa, ha i suoi vantaggi: attrae l'attenzione della madre verso il piccolo "malato" a discapito degli altri membri della famiglia . La medicazione quotidiana è vissuta come un piacevole accarezzamento della cute. Spesso il piccolo atopico, inconsciamente, non desidera guarire.

Referenze

1. Hanifin JM, Tofte S. Patient education in the long-term management of atopic dermatitis. Dermatol Nurs. 1999;11:284-289. 2. Holden CA. Atopic dermatitis. Med Int. 1992;102:4298-301 3. Besnier E. Premiere note et observations preliminaires pour servir d'introduction a l'etude diathesques. Ann Dermatol Syphiligr. 1892;4:634. 4. Coca AF, et al. On the classification of the phenomena of hypersensitiveness. J Immunol. 1923;8:163. 5. Hill LW, et al. Evolution of atopic dermatitis. Arch Dermatol 1935;32:451. 6. Hanifin JM, Rajka G. Diagnostic features of atopic dermatitis. Acta Derm Venereol. 1980;92:44-47. 7. Hanifin JM. Diagnostic criteria for atopic dermatitis: consider the context. Arch Dermatol. 1999;135:151. 8. Imokaura G, Abe A, Lim K, et al. Decreased level of ceramides in stratum corneum of atopic dermatitis: an etiologic factory in atopic dry skin? J Invest Dermatol. 1991;96:523-6. 9. Nakagawa H, et al. Tacrolimus ointment for atopic dermatitis (letter). Lancet. 1994;344:883. 10. Ruzick T, et al. A short-term trial of tacrolimus ointment for atopic dermatitis. European Tacrolimus Multicenter Atopic Dermatitis Study Group. N Engl J Med. 1997;337:8-16. 11. De Rie MA, et al. Lack of efficacy of topical cyclosporin A in atopic dermatitis and allergic contact dermatitis. Acta Derm Venereol. 1991;71:452. 12. George SA, et al Narrow band (TL-O1) UVB phototherapy for chronic severe adult atopic dermatitis. Br J Dermatol. 1993;128:49.